L’Olmo si trova davvero nel cuore del cuore dell’Umbria!

Da qui si raggiungono le principali mete turistiche della Regione. Strategica è la vicinanza ad Assisi e a tutti i maggiori centri dell’arte, della cultura e della fede, siamo al centro della migliore zona eno-gastronomica: dei vini e degli oli di eccellenza. Vicinissimi ai centri della ceramica, dell’artigianato tradizionale, delle terrecotte ma anche al Parco dei Sibillini, del Subasio e della Valnerina.

Oltre alle visite turistiche ai monumenti e alle classiche mete di arte, cultura e natura, sono imperdibili una gita in Valnerina e a Castelluccio di Norcia, magari con l’esperienza del rafting.

Il volo a vela (anche solo come  visitatori) sul Subasio o a Castelluccio; due passi a Spello (non dimenticate di entrare nella Chiesa di Santa Maria Maggiore per ammirare uno dei più straordinari affreschi del Pinturicchio) e Bevagna (una scenografia medioevale davvero emozionante a cielo aperto!), Montefalco oppure a Corciano per un gradevole dopocena; una visita all’outlet di Brunello Cucinelli a Solomeo, di Fabiana Filippi a Giano dell’Umbria o di Claudio Cutuli a Bevagna; una visita al “Carapace” di Arnaldo Pomodoro che costituisce la Cantina della Tenuta di Castelbuono a Cantalupo di Bevagna; una visita alle isole del lago Trasimeno, il Castello medioevale dell’Isola Polvese o il Borgo incantevole dell’Isola Maggiore; le mura etrusche monumentali di Bettona e i suoi giardini o quelle di Todi; la “traversata” del Subasio fino al borgo di Collepino; il bellissimo borgo di Montone in alta Val Tiberina;  il mercatino delle Pulci di Campello sul Clitunno (Pissignano – campelloweb.com); la piazza poligonale di Montefalco con il magnifico Museo della Chiesa di San Francesco.

Percorrete la strada panoramica tra gli antichi oliveti tra Trevi e Spoleto. Fate un salto alle vestigia romane di Carsulae, vicino a Terni. Viaggiate verso Orvieto soffermandovi lungo la valle del Tevere e dopo Orvieto scavallate nel Lazio per godervi Civita di Bagnoregio. Prendetevi mezza giornata per rilassarvi alle Terme Romane dell’Hotel Nun ad Assisi. Andate a vedere il Teatro più piccolo del mondo a Montecastello di Vibio (teatropiccolo.it). Visitate le cantine e il frantoio dell’Azienda Agricola ecologica e a Zero-Co2 del Castello di Montevibiano Vecchio (montevibiano.it). A Scheggino i corsi d’acqua e le trote in pieno centro. Godetevi l'antica Cascata delle Marmore, poco oltre Spoleto.

Non perdetevi l’olio extravergine di Bettona o Trevi, godetevi un Sagrantino di Montefalco o un Bianco di Orvieto, le norcinerie con i prosciutti e i tipici insaccati umbri, una vera bistecca di Chianina, la cipolla di Cannara, la fagiolina del Lago Trasimeno, le lenticchie e le patate di Colfiorito.

L’arte contemporanea ha un tempio tutto umbro e irripetibile a Città di Castello dove troverete le opere del grande Alberto Burri alla Fondazione Burri (fondazioneburri.org); senza dimenticare di visitare il Collegio del Cambio e la Galleria Nazionale dell'Umbria a Perugia.

pulsante-eventi pulsante-mangbev pulsante-acquisti pulsante-natura